sentimento agricolo

IL PROGETTO

Kukula ha iniziato a operare nel villaggio di Antintorona nel 2019 per ottimizzare il sistema di produzione alimentare dell’isola attraverso l’introduzione di pratiche agricole basate sul metodo dell’agricoltura sinergica.

Il progetto si fonda su dinamiche di collaborazione e condivisione delle conoscenze tecniche e teoriche tra i partner coinvolti e la popolazione locale, al fine di creare solide basi per un modello di sviluppo agricolo sostenibile e autosufficiente.

settori
d’intervento

Agricoltura e tutela ambientale

Luogo di
realizzazione

Antintorona
(Nosy Komba),
Madagascar

fonte di
finanziamento

Donatori privati

collaboratori
di progetto

Guardia forestale malgascia

stato
del progetto

In corso

DURATA
DEL PROGETTO

2 anni
(Apr 2019 – Apr 2021)

L’agricoltura sinergica

L’Agricoltura Sinergica è un metodo applicato in agricoltura biologica. Si basa su pratiche agronomiche che, non solo riducono notevolmente l’impatto ambientale delle pratiche agricole tradizionali, ma che migliora la fertilità del suolo e la salute dell’intero sistema suolo-microrganismi-piante.

NESSUNA LAVORAZIONE DEL SUOLO

Il lavoro delle radici delle piante, della fauna e della microfauna presenti nel sottosuolo garantisce un equilibrio nutritivo stabile.

NESSUN APPORTO DI FERTILIZZANTI

Fertilizzazione continua del suolo grazie alle radici delle piante, che non vengono mai asportate dal terreno, e grazie alla pacciamatura, una copertura organica permanente.

NESSUN TRATTAMENTO DI SINTESI

Protezione della fertilità del suolo al fine di ricreare condizioni naturali favorevoli e durature.

NESSUN COMPATTAMENTO DEL SUOLO

Un suolo sano è composto per circa la metà del volume da spazi vuoti, nei quali circola l’aria e viene immagazzinata l’acqua, elementi chiave per la sopravvivenza dei microecosistemi presenti nel sottosuolo.

il contesto d’intervento

In Madagascar il settore agricolo occupa il 74,5% della forza lavoro, contribuendo al 21,5% del PIL nazionale. Tuttavia, l’asperità del terreno rende coltivabile solo il 5,1% della superficie territoriale, tanto da non permettere alla produzione di raggiungere i livelli di pura sussistenza.

Tra le pratiche agricole utilizzate per generazioni in Madagascar, il metodo “slash-and-burn” è quello che ha avuto il maggiore impatto negativo: gli agricoltori disboscano e bruciano estese superfici forestali per ricavare appezzamenti di terreno coltivabile, distruggendo interi ecosistemi e minacciando fortemente la biodiversità del Paese.

GLI obiettivi

obiettivo generale

Promuovere sistemi di produzione alimentare sostenibili dal punto di vista ambientale e socio-economico attraverso l’introduzione di pratiche agricole resilienti, che aumentino la produttività compatibilmente con la salvaguardia degli ecosistemi, rafforzino la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici e alle condizioni climatiche estreme (come siccità e inondazioni) e migliorino progressivamente la qualità del suolo.

obiettivi specifici

    • Formare e sensibilizzare la popolazione locale.
    • Ottimizzare la produzione e il riutilizzo degli scarti agricoli.
    • Efficientare il sistema idrico.
    • Contribuire alla sicurezza alimentare.
    • Supportare lo sviluppo economico.
    • Garantire la replicabilità del progetto.

Le attività

Le attività previste nell’ambito del progetto “Sentimento Agricolo” sono volte a implementare un modello di sviluppo agricolo sostenibile e replicabile in altri contesti.
Insieme a un coordinatore di progetto, che ha curato l’andamento delle attività e la gestione delle spese, e a un agricoltore esperto del luogo è stato preparato un piano colturale e sono state avviate le coltivazioni previste fino alla messa a regime completa. Sono stati individuati dei responsabili locali che sono stati formati allo scopo di imparare a gestire le attività, a formare a loro volta personale specializzato e a garantire la replicabilità e la sostenibilità del progetto.

FORMAZIONE DEGLI ABITANTI

Del villaggio e introduzione di tecniche agricole che garantiscano la sicurezza alimentare preservando la biodiversità locale.

AMPLIAMENTO DELL’AREA AGRICOLA

Tramite la riqualificazione di terreni che in passato sono stati compromessi dall’uso di pratiche agricole poco sostenibili, come le monocolture.

DIVERSIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE

Mediante l’introduzione di nuove varietà di colture.

INSTALLAZIONE E MONITORAGGIO

Di differenti sistemi irrigui e comparazione dell’efficienza in termini di consumo idrico e produttività agricola.

INTRODUZIONE DI METODI DI COMPOSTAGGIO

Dei rifiuti organici del villaggio, utili per la fertilità del suolo.

CREAZIONE DI UN MERCATO

Per la distribuzione dei prodotti a km zero nel villaggio di Antintorona e avviamento di collaborazioni per la vendita dei prodotti nei villaggi e nelle isole vicine

PIANTUMAZIONE DI ALBERI DA FRUTTO

Per una migliore diversificazione e produzione dell’intero ecosistema agricolo.

estensione del progetto
Attraverso la realizzazione di un ulteriore orto ad agricoltura sinergica e l’efficientamento del sistema irriguo presso il vicino villaggio di Ampangorina.

Per maggiori informazioni e conoscere i risultati del progetto, scarica il report 2019

scopri gli altri progetti

zero
carbon

tree
hugs

sostieni I Nostri Progetti

DonaDiventa Socio